MAGGIO TUTTI A VOTARE

ELEZIONI EUROPEE:
A maggio, tutti a votare, ci sono le elezioni europee, in Italia i seggi elettorali saranno aperti nella giornata di Domenica 26-maggio-2019, mentre gli italiani che vivono in un altro Paese UE, possono votare per il candidato del paese di residenza.

NON SOTTOVALUTIAMOLE:
Sono votazioni molto importanti in quanto ognuno di noi può dire la propria sulla direzione che l’Europa deve prendere per i prossimi 5 anni, per ciò che riguarda il commercio internazionale, la sicurezza, la protezione dei consumatori, la lotta al cambiamento climatico che sembra cosa da poco, ma è molto importante, quindi prepariamoci a fare ciò che un Paese democratico deve fare, considerando che gli eurodeputati non solo modellano la nuova legislazione, ma controllano anche l’operato delle altre istituzioni europee.

TUTTI A VOTARE:
Non solo, votare significa dire in qualche modo, la propria sulle politiche che influenzano la nostra vita quotidiana, infatti l’UE dovrebbe controllare e finanziare i bisogni delle regioni italiane, compresa anche la nostra dove abitiamo, quindi tutti noi cittadini italiani facenti parte dell’UE, abbiamo tutti una ragione diversa per andare a votare e dare il voto a chi meglio riteniamo opportuno per i nostri bisogni e i bisogni del nostra Italia.
L’Europa in qualche modo appartene a noi, quindi andare a votare è il primo passo per contribuire alla democrazia europea, poi ognuno voterà in base alle proprie idee, convinzioni di cui cambiano in base a certi eventi e modi di vivere, di cui è molto difficile dare una spiegazione sulla diversità di chi votare, anche a volte, tra famigliari, però, comunque sia, andiamoci.
BRUTTO PERIODO PER ITALIA:
Da quello che vediamo, il nostro Governo, è giustamente interessato a prendere quei voti, infatti, da quello che sembra, stanno facendo campagna elettorale invece che governare il Paese, l’italia non sta passando un bel periodo, sia come sicurezza ne come economia.
PARTITI IN DISACCORDO:
Anche se è brutto dirlo, abbiamo un poco di partiti allo sbando, i due alleati che hanno formato il Governo, sono sicuramente diversi fra di loro, lo si vede da come mandano avanti il loro incarico, non c’è un punto in cui sono d’accordo, infatti stanno facendo più una campagna elettorale che governare.
OPPOSIZIONE ALLO SBANDO:
Abbiamo una opposizione un pochino allo sbando, la sinistra non solo è divisa, ma appare incapace di fare opposizione e di articolare una proposta politica valida per contrastare l’avanzata di altre fazioni nazionalistiche, la destra più che contrastare l’operato del Governo, non riesce a fare, non riesce a formulare un piano economico esilarante e soddisfacente, così gira e rigira, ma il Governo nel bene o nel male va avanti.
EMIGRATI:
Gli emigrati per questo Governo sono un toccasana per racimolare dei voti, ormai questa invasione di pericolosi persone allo sbaraglio, da fastidio a tutti, quindi il modo di fare di Salvini, nel bene o nel male gli porta un sacco di voti dal popolo, se va avanti così, a maggio prenderà un sacco di voti, solo ed unicamente per la posizione sugli emigrati.
LA POVERTA AUMENTA:
Infatti, a parte questa opposizione, il Governo non ha fatto nulla per il bisogno degli italiani, tutte promesse che poi risultano vane o rimandate, però nel contempo gli italiani spendono molto di più e guadagnano meno e le spese giornaliere per il fabbisogno famigliare aumentano senza ritegno, considerando che la disoccupazione, quindi anche la povertà aumenta.
VOTI ALLA LEGA:
Comunque sia, considerando che ognuno ha le sue idee, ma mai mi sarei aspettato che la faccenda emigranti, portasse a un partito tanti voti, infatti, la Lega non avrebbe avuto i voti che ha preso, specialmente al Sud se non ci fosse stata la presa di posizione contro l’immigrazione.
MENTALITA ITALIANA:
Migranti abbandonati alla deriva senza un approdo sicuro, respingimenti, stretta su permessi umanitari, l’incostituzionale restrizione del diritto d’asilo, tutte cose che non fanno parte della mentalità dell’italiano in genere, cose che potevano essere tollerate in una Russia al tempo di Stalin, o di Hitler con gli ebrei, ma non certamente dalla mentalità italiana.
ESPULSIONE:
Abbiamo avuto anche noi italiani gli emigrati che partivano allo sbaraglio, quante navi hanno sbarcato persone in America, ma non sé mai visto una cosa come sta accadendo in Italia adesso, pur considerando che era ed è un problema passeggiare in certi luoghi e in parecchie città senza essere stuprati per le donne e derubati come come uomini e/o ragazzi, ma l’espulsione e il fermo, andavano affrontatati in modo diverso.
CENTRI D’ACCOGLIENZA:
Nel momento della chiusura dei centri di accoglienza, dovevano essere imbarcati verso il loro Paese di provenienza, oppure divisi in varie nazioni della Comunità e a poco per volta chiudere i porti, ma senza navi ferme ak margini dei Porti, con donne e bambini come carico, così stiamo diventando un Paese di cui in futuro i nostri figli ne subiranno le conseguenze.
GRUPPO DI VISENGRAD:
Gli italiani nel suo insieme e in genere, non hanno mai visto di buon grado il gruppo facente parte a Visegràd di cui ne fanno parte la Polonia e l’Ungheria di Orban, vorrebbero che il vorrebbe che il Mediterraneo diventasse un invalicabile fossato e che solo le merci, non le persone, possano attraversarlo liberamente per recarsi alle frontiere europee. No gli italiani non sono così.
CAPRO ESPIATORIO:
Ormai siamo un Paese in cui l’immigrazione è diventata un problema di sicurezza nazionale, lanciando paranoiche campagne per fermare un’invasione che non c’è, quelle destre del tipo fascista stanno facendo come hanno sempre fatto nel passato, puntano a creare un nemico, lo costruiscono ad arte, alimentano cacce violente al capro espiatorio – emigranti, senza tetto, mistificando le reali cause dei problemi sociali.
SIAMO DIVERSI?
Ma noi italiani sia del Nord che del Sud, vogliamo davvero una Europa alla stregua della Polonia o dell’Ungheria?
Ma stiamo diventando matti?, Ci siamo Bevuti il cervello?.
Noi italiani siamo persone libere, certo che vogliamo che la giustizia funzioni, ordine e forze dell’ordine siano efficacie e ben agguerrite e per questo devono essere dal Governo finanziate, ma come popolo, non siamo persone crudeli, mai nella storia, gli italiani hanno fatto soffrire coloro che già soffrono per causa del loro Paese d’origine.
NOI SIAMO ITALIANI:
Gli italiani aborriscono ciò che ha fatto Hitler sia agli ebrei che ad altri popoli, aborriscono ciò che ha fatto Stalin e non approvano ciò che sta facendo Orban & Company oggi giorno, con ciò non voglio dire che l’immigrazione non va gestita, ma bisogna gestirla con dei valori umani, sono uomini, donne e bambini anche loro.
Noi italiani non vogliamo l’Europa che ci vorrebbe imporre Orban e i suoi alleati, non vogliamo che il Mediterraneo diventi un cimitero, Bannon e Putin non fanno parte della nostra mentalità, gli ex Paesi comunisti si tengano le loro idee, noi stiamo bene così, o meglio stavamo bene quando avevamo un Governo che metteva al primo posto le nostre radici, la Politica è cambiata dal 1995 in poi, ma dobbiamo tornare indietro e attivare la mentalità e la politica di allora.
LA SINISTRA:
La sinistra che dal 2013 doveva ripristinare come si stava prima del 1995, ma non è riuscita, ha solo fatto danno, ha gestito l’immigrazione come guadagno personale, non ha mai lanciato programmi e/o proposte di copertina da prendere in considerazione, ha solo creato danno al popolo e al paese nel suo complesso.
GOVERNO ATTUALE:
Dopo la sinistra, è venuto il Governo attuale, da quando ha iniziato a governare, l’Italia è sempre più povera, il primo Decreto da loro fatto, è il decreto sicurezza, guarda caso, è un decreto alla Orban, solo per gli emigrati, tutti noi speravamo un decreto che “bloccasse” i ladri di appartamenti e i rapinatori che oltretutto picchiamo a morte coloro che trovano in casa.
DECRETO SICUREZZA:
Infatti, in questo decreto non è tutelata la persona che difende la propria casa, i propri beni e i propri cari, e rimane il fatto che se il rapinatore viene ferito o morsicato dal nostro cane, dobbiamo risarcirlo totalmente e se per caso muore, dobbiamo risarcire gli eredi di quel rapinatore.
Pensate un attimo, se in casa mia, (lasciamo stare le armi che sono nel Far-West) entra il ladro ed entriamo in collusione a mani vuote col rapinatore e gli facciamo anche un piccolo danno, come sanguinare il naso, una piccola ferita con le unghie, senza parlare di coltellate, dobbiamo risarcirlo, se gli diamo una coltellata, non solo risarcirlo, ma andiamo in galera sostenendo tutte le spese processuali e non solo, se dopo la nostra ferita dovesse stare a letto, dobbiamo risarcire come se fosse un lavoratore a tempo pieno.
PASSEGGIARE IN CITTA:
Erano queste le cose che doveva cambiare il tanto decantato Decreto sicurezza e gli immigrati, uscire dai centri di accoglienza e andare via dall’Italia, vi immaginate, uscire in certe città anche di giorno specialmente soli?
Provate ad immaginarvelo, gente affamata, infreddolita, non un centesimo in tasca, anche i più bravi, devono pure mangiare e quindi, si guardano attorno e se non vedono poliziotti nelle vicinanze, vi aggrediscono, anche se non vi fanno del male, vi rubano quello che avete e poi scappano, dopo andiamo a fare denuncia, ma a chi?
Come facciamo a riconoscerli, noi che non ci viviamo in mezzo, ci sembrano tutti uguali, c’è solo da dire che siamo stati fortunati che non erano delinquenti, perché loro ci piantavano una coltellata nella pancia, prendevano tutto e scappavano. ECCO IL DECRETO SICUREZZA di questo Governo.

STATUTO EUROPEO:
La statuto del’UE in poche parole dice che l’Europa e gli europei, devono riconoscere la naturale e fondamentale uguaglianza di tutti gli esseri umani e che si impegna a rimuovere gli ostacoli al pieno sviluppo di ogni donna e uomo.
L’Europa è sempre stata una terra dimmigrazione, se andiamo a vedere i reperti archeologici nei musei ci troviamo lettere, zaini e altre cose di migranti naufragati nel fare la traversata atlantica per scappare dalla povertà e dalla miseria e naufragati nel tentativo di raggiungere l’Europa.
La storia ultra millenaria del Mare Nostrum raccontata da grandi storici come Braudel e Abufalia, ci parla del Mediterraneo come ponte, come risorsa, non come barriera come dice Orban.
LEGGENDA O STORIA:
La leggenda o storia che sia, ci insegna che l’Europa prende il nome da una fanciulla fenicia rapita, costretta a lasciare la sua terra suo malgrado, per approdare nella Terra che la chiamò Europa, era una fanciulla venuta dal mare.
ANDIAMO TUTI A VOTARE:
Andiamo tutti a votare il 26 Maggio per l’Europa, ma prima di dare il voto, non chiudiamo gli occhi, non andiamo a tentativo dicendoci che: “uno vale l’altro”, non è così, pensiamoci bene, ponderiamo bene le cose e, poi diamo il voto, sperando che un giorno possiamo pensare e dire ai nostri figli e ai figli dei nostri figli, ho dato il voto giusto per il bene di noi tutti, ora sono contento e felice, perché, anche voi siete felici e il nostro Paese è veramente un: BEL PAESE.
Dopo quel voto, speriamo di non dire mai più: “CHE MISERIA”.
PARMA 09-01.2019
Aldo Ferrari