IMPARA DA RIACE

VILLAGGIO DI RIACE:
Non sono mai stato a Riace, io e una ragazza volevamo andarci 6 o 7 anni fa, in quanto stavamo visitando le grotte e il Santuario di Pazzano, ma abbiamo fatto tardi, siamo andati in Albergo a dormire con un bel sereno, ma il giorno dopo pioveva a dirotto, anche se dicono che li non piove mai, cosi siamo venuti via.

MIMMO LUCANO:
Ho seguito in parte le vicende dell’ex sindaco Mimmo Lucano, venne arrestato con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, infatti era divenuto celebre in tutto il mondo per il suo approccio nella gestione dei rifugiati politici e immigrati in genere, infatti nel contesto della crisi europea dei migranti, circa 450 tra rifugiati e immigrati si sono stabiliti nel piccolo villaggio ionico con 1800 abitanti, infatti fu un grande clamore, 450 su 1800, non è cosa da poco.

PERSONE CHE LAVORANO:
Questo uomo, cioè Mimmo, senza tanto clamore, avrebbe posto in essere delle persone come quello della raccolta rifiuti, cosa che forse dovrebbe fare anche la sindaca Raggi a Roma, ma non voglio parlare di questo, sarà per un’altra volta, voglio semplicemente dire che questo uomo era stato arrestato e tolto da Sindaco, per la faccenda degli immigrati, perché aveva dato lavoro ai migranti e politicamente parlando, “qualcuno”, aveva pensato che si intascasse denaro.

MIMMO ACCETTA IL PROCESSO:
Guarda caso, non ha fatto come Salvini, si è fatto processare senza blaterare, quando è arrivato il provvedimento, ha detto semplicemente: “Se ho sbagliato pagherò”, il peggiore a criticarlo fu Salvini per l’aiuto a persone, anche se immigrati, sono sempre esseri umani che vanno rispettati, i bravi naturalmente.

Questo Sindaco accettò il provvedimento dei giudici dicendo: “mi farò processare”, fece esattamente come deve fare il cittadino che pensa di non avere commesso reati, così fece, senza baccano, senza pubblicità, se ne andò, ma ora la Cassazione, esaminando i fatti, gli ha dato ragione, non ha rubato nulla e tutto ciò che aveva fatto è legale al cento per cento.

UN SIMBOLO DI ACCOGLIENZA:
Ora la cittadina calabrese diventa un simbolo per l’accoglienza dei migranti, da questo episodio sia i 5Stelle che la la Lega, i due partiti che sono al Governo, dovrebbero prendere esempio, altro che criticare, sbraitare, offendere a destra e sinistra per poi farsi negare al giudizio, spero che gli italiani ne tengano conto di questo.

GLI TALIANI NON SONO CATTIVI:
Noi tutti italiani dobbiamo riflettere su questo episodio, un uomo solo criticato dal Governo si da da fare per aiutare quei poveri cristi che dopo tante pene, torture e angherie lasciano il loro Paese natio, per trovare un lavoro e far mangiare la famiglia, i figli, che molti rimangono al Paese aspettando che il padre gli invii qualche cosa per mangiare, si tutti gli italiani dovrebbero prenderne atto.

FATE UN CONFRONTO FRA MIMMO E SALVINI:
Quel debole uomo per così dire, si è fatto indagare si è fatto processare senza paura, invece quel prepotente uomo abituato a denigrare coloro che non sono dalla sua parte, ha avuto paura del processo e si è fatto negare, è proprio vero, la parte politica in cui si rappresenta Salvini, è abituata a denigrare gli altri, è abituata alle cattiverie, allo sparlare contro gli altri come hanno fatto anche nel Consiglio Europeo, ma sono così codardi che non hanno il coraggio di sottoporsi a giudizio, prima erano contro il Sud e ne dicevano di tutti i colori, ora contro i migranti.

VALORI CRISTIANI:
A questo punto c’è veramente da chiedersi: “come faccia un cristiano a votare Salvini”? I valori del cristianesimo sono antitetici a quelli del ministro dell’Interno e a quello che politicamente rappresenta e da ome si comporta, tanto che Papa Francesco, non lo vuole incontrare.

ATTENTI A CHI VOTATE:
Ho pensato molto e considerato i fatti dei migranti, non sto facendo politica, considerando anche quello che ha detto il Papa che non ha voluto ricevere Salvini, un cristiano cattolico o meno, ma purché sia cristiano, non può votare Salvini ne lui ne il suo partito, questo almeno per il momento.

NON TUTTI SONO MALVAGI:
Su questi migranti, qualcuno bravo esiste che cerca di lavorare, qualsiasi lavoro gli venga offerto, parlateci da amici e fatevi raccontare quello che avviene lungo il tragitto e quello che avviene quando arrivano in certi Centri Sociali, altro che film dell’orrore, comunque sia, Mimmo Lucano e il suo villaggio Riace, è diventato il simbolo dell’Italia che accoglie come d’altronde insegna la religione cattolica Cristiana.

LA GIORNATA DELLA MEMORIA:
Nella giornata nazionale della memoria e dell’accoglienza, istituita per ricordare la tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013 e l’importanza dei valori di umanità e solidarietà nel rispondere alle esperienze di coloro che fuggono da guerre e persecuzione, ricordiamo con forza che l’accoglienza richiede dialogo e condivisione, anziché scontro, avversione e prepotenza

NIENTE SCUSE:
Come abbiamo detto, la cassazione a riabilitato Mimmo Lucano, la Corte ha chiarito come dagli appalti per rifiuti, ai matrimoni di comodo, non ci fossero indizi di frode o ruberie, tutto in ordine e tutto a posto, eppure Salvini, dopo averlo attaccato nei mesi scorsi, ora taglia corto e dice: “Non commento i giudici”.

Qualcuno in un incontro con le Confcooperative gli ha detto che era giusto che chiedesse scusa, ma la sua risposta è stata come d’altronde è la sua indole: “Chiedere scusa”? “Ma neppure per sogno, di irregolarità ne sono state commesse a decine, altro che scuse”.

SALVINI E DI MAIO PIU CHE DIO IN TERRA:
Per farla breve, neppure la sentenza della Cassazione che ha demolito l’impianto accusatorio, va bene a Salvini, per Salvini va bene solo quello che dice lui e anche Di Maio, infatti fanno finta di litigare, così Salvini fa finta di essere dalla parte di Silvio Berlusconi, ma non è vero, primo o poi Silvio se ne accorgerà.

Se ricordate con la nave Dociotti, in cui Salvini venne accusato dai giudici, sembrava che non avesse paura di affrontare il processo, però ha fatto in modo di non andarci, infatti ha poi detto: “Per me ha scelto il Senato, anche perché ne avrò altri di processi da fare, se avessi paura non farei il Ministro dell’Interno”. Un’altra sua blagata:

COMPORTAMENTO DA UOMO CRISTIANO:
Ebbene io non conosco Mimmo Lucano, però si è comportato bene, come venne accusato, accettò l’accusa senza tante polemiche e se ne andò come gli era stato imposto, Salvini si è perso in polemiche, avrebbe dovuto imparare da Mimmo, poi si che poteva fare il Ministro dell’Interno, per scusarsi ha detto che per lui sceglieva il Senato, certo così viene bene.

NEMICO SBAGLIATO:
Salvini con Mimmo Lucano ha sbagliato nemico e non solo perché si è accanito come al solito mettendo alla berlina un uomo in difficoltà e un’intera comunità, ma perché Mimmo, è stato giudicato e assolto, mentre a Salvini il giudizio venne negato, se non lo avessero negato saltava il Governo, cosa che i 5Stelle non vogliono fare, hanno la poltrona e se la vogliono tenere a costo di rimangiarsi tutto quanto hanno detto nella campagna elettorale.

NON COMMENTA I GIUDICI:
Oggi, ogni italiano può affermare che il garantismo in Italia non va più di moda, oggi con questo Governo, che va di moda è la vendetta, neppure l’umiltà va più di moda, infatti Salvini avrebbe dovuto chiedere scusa a Mimmo dopo le brutte frasi che ha detto su di lui, se non scusa poteva dire al pubblico che era contento di essersi sbagliato, no, lui non fece così, disse che non commenta quello che fanno i giudici.

Se era un ministro con le palle come dice di avere, per così dire, avrebbe affrontato il processo, senza tutte quelle buffonate che ha fatto in diretta video mentre apre la lettera di indagine, senza fanfaronate urlando: “io non ho paura”, per poi cercare la sponda degli amichetti di governo ed evitare il processo, invece Lucano si è difeso come dice la Legge.

BERLUSCONI PENSA DI AVERE SALVINI AMICO:
Berlusconi ha fotto votare Forza Italia a favore di Salvini, pensando di averlo come amico politico, ma spero che abbia capito che Salvini è solo un fanfarone che davanti dice una cosa, ma nell’agire fa tutto il contrario, quando se ne accorgerà, potrà fare in modo di formare un Centro Destra e vincere le elezioni, ma fino a quando spera in Salvini, non vincerà mai le elezioni, ne quelle italiane, né quelle europee.

Salvini deve imparare ad essere umano, solo così potrà avere la fiducia dei cittadini non solo perché schiaccia i migranti, ma perché fa del bene all’Italia e agli italiani, Mimmo dal canto suo, ha tolto un piccolo villaggio in mano alla Ndrangheta per farne un posto migliore e dare lavoro a persone che fanno tanti sacrifici, compreso l’affrontare la morte in un viaggio verso il “Paradiso” così almeno sperano loro, certo per arrivare questo, ci vuole cervello, umiltà e cuore.
PARMA 05-04-2019
Aldo FERRARI